fatbombers

— Fatbombers.com

Talking with Peeta

peeta

We finally come up with a new interview, this time Peeta (EAD – FX – robots will kill), an Italian writer and artist. We go against the trend and against the title of this website (fatBombers) interviewing a three-dee styler. We do this for a reason. We appreciate Peeta’s style since a long time, and we think that photorealistic pieces are an hard terrain, on which it is really difficult to innovate. Peeta does it: he rocks. So, he deserved some attention.
Never heard of him?
check peeta’s fotolog, peeta’s website, an interview in italian (with flicks), his page on Artcrimes.

Te la vuoi leggere in itagliano? vai in fondo a questa paggina.

peeta

You are in the FX crew since 5 years. How do you live the contact with the NY experience, what influences did you receive and what are the differences between the US and the Italian scene?

From the day I’m part of that crew very few things changed in my vision of things, but nonetheless I can say that it is a big stimulus to me. I’ve been a few times in New York, even recently, and I painted mainly with Per, Yes 2, Eaz, Pose2 and Cope 2.
Since the last time I’m part of another crew, born in New York, the RWK (Robots Will Kill). To keep a relationship with a so disseminated and far crew is not easy, and often the friendships become weak.
The reality of that city – from the writer’s point of view – is strictly linked to traditions, the style of the pieces and of the hall of fame is alwayss a little bit static. And things are changing, now In Ney York there’s this new “quality of life” law that makes things harder: now, to paint an hall of fame, you need a permission from the owner of the wall and from the city of NY. You have to bring a sketch and then they give you permission for a well-defined day. That means that if after a week you want to paint over your piece you have to ask permission again, or you risk being arrested. Many historical hall of fames became illegal, and now every writer has to uncover his full name in order to paint with ease. But than bombing is still bombing, even if it get buffed in a flash really often.
Other places like Chicago, San Francisco or LA have other issues, problems and different ghettos from New York. Writing has another history and writers are often gangsters, mainly in California.
In Europe and in Italy things work in a different way, I think that people is more open-minded, often some cities give big spaces to paint, some writers and crews push everything to another level, over the _classicity_ of the new york style, even if I must say that in our country there are some contradictions in this field.

peeta
Read more >>
You chose a style (the 3d) invented by others and difficult to innovate. your pieces, nonetheless, have always something fresh. how do you do it? what makes your style special?

I don’t think that there was a day in which I said “I’m starting to paint 3d”. So it’s not a choice I took in one day, it’s more of a perpetual metamorphosis of my style.
I started with amorphous-zoomorphous letters: masses of organic shapes like muscles apparently without a sense, since then my shapes had a beginning of volume, like bas-reliefs.
Then I continued, trying to draw something more lightly readable, I tried to geometrize more my shapes, always keeping myself on the bas-relief level.
To make my stuff more geometrical and to conform a bit I used the outlines for many years before removing them again. but this was really useful to study the lettering.
Then, maybe because I attended a sculpture school, I started drawing tridimensional things with more knowledge and so my style became 3d. Since my first sculptures, in in 1998-2000, I understood many things that would have been useful in writing too. Starting from that time, without really knowing it, from the bas-reliefs I started to do paint stuff with more and more volume, till it eventually detached from the surface.
In the very same time I started painting with Daim and Seak, and seeing the way they paint was enlightening from the technical point of view – before them I never saw anyone painting that way.
I consider my path, with some inevitable differences, something parallel to the ones who made 3d before me.

peeta

You do canvases and sculptures too, always using the same style. How do you interact with the art world? is it possible to live as an artist, is this what you are trying to do?

Sculptures and canvases are tools that I use to experiment, understand, evolve myself, I show them but they’re something personal. At least at the beginning I never considered a canvas as a canvas, nor a sculpture as a sculpture.
What I am trying to say is that my main purpose is to paint walls, and these things are only exercises, studies. Then having some canvases I try to sell them, and to the eye of the other people it may seem that I’m an artist.. Doing them I convicted myself of it, and now I am really trying to be an artist.
There have been lucky times in which I sold a canvas after another. Those which where for me only exercises little by little became more important of my purposes, they was my mean of living. So, seeing as things went, I started considering canvases as canvases, and I started to paint them with the purpose of selling. To live as an artist is my dream, it is possible to do it, but it isn’t easy, you have to market yourself a lot.

peeta

Graffiti writing is often considered an art form or a way of expression. do you think that a piece can express something behind the name, or it has to be only a formal exercise?

A piece can express emotions, I don’t investigate on the characters, it’s not my field. The shape of some letters could reflect the mood of the painter, sometimes I think that a piece is like a self-portrait.
Then the piece, behind the name and the letters, can interact with the architectonical space in which it is painted, creating a symbiosis or maybe a contrast. Very often I don’t’ think only about the background of my piece, the color of the emulsion, the bubbles or something else. but I think about the space around it, every object, the colors and the lights in the ambience in which I paint. Something the pieces says something more, it is able to underline some characteristics of the place, or it can be against them.

peeta

Which are your favourites writers, the one whose style you like most?
The writers I like are Delta and Dare. I like Daim, Seak, Saber too.

http://www.deltainc.nl
http://www.dare.ch

peeta

peeta

Italian version

da qualche anno sei nella crew fx. come hai vissuto il contatto con la realtà di new york, quali sono gli stimoli che hai ricevuto e le differenze rispetto al panorama italiano?
Da quando faccio parte di questa crew nel mio modo di vedere le cose non è cambiato molto, ma posso affermare che mi ha stimolato. A New York ci sono stato qualche volta, anche recentemente, ho dipinto principalmente con Per, Yes 2, Eaz, Pose2 e Cope 2. Poi dall’ultima volta che ci sono stato faccio parte anche di un’altra crew nata a NY, la RWK (Robots Will Kill). Mantenere i rapporti con una crew così sparsa e lontana non è facile, spesso le amicizie si affievoliscono.
La realtà di quella città, dal punto di vista del writing, è molto legata alle tradizioni, lo stile dei pezzi e delle murate rimane sempre un po’ statico, ovviamente c’è sempre qualche eccezione, come un po’ lo è la RWK. Poi adesso le cose stanno cambiando ulteriormente, a New York, c’è una nuova legge che si chiama ‘The quality of life’ che sta rendendo le cose un po’ più complicate per i graffiti. Ora, anche per dipingere in hall of fame, c’è bisogno di un permesso dal proprietario del muro e dalla città di New York. Va presentato un bozzetto e poi ti danno il permesso per un giorno ben specifico. Ciò significa che se dopo una settimana ti viene voglia di crossarti il pezzo per rifarlo, devi rifare il permesso, altrimenti rischi di essere arrestato. Molti hall of fame storici sono diventati illegali, ora ogni writer deve far sapere il proprio nome e cognome per poter dipingere in tranquillità. Poi il bombing rimane bombing, anche se spesso però viene cancellato in un lampo.
Altre realtà come Chicago, San Francisco o Los Angeles hanno caratteristiche, problemi e ghetti diversi da New York. Il writing ha un’altra storia, i writers a volte sono anche gangsters, soprattutto in California.
In Europa e in Italia le cose funzionano un po diversamente, a mio avviso c’è una mentalità un po più aperta, spesso alcune città danno spazi più sostanziosi, ci sono crews e writers che riescono a spingere tutto ad un altro livello, oltre alla classicità del writing newyorkese, anche se devo dire che nel nostro paese ci sono un po di contraddizioni in questo senso.

hai scelto uno stile, il 3d, inventato da altri e in cui è difficile innovare.
i tuoi pezzi, invece, hanno sempre qualcosa di nuovo. come fai? come riesci a differenziarti? cosa rende il tuo stile “speciale”?

Non credo ci sia mai stato un giorno in cui ho detto, adesso inizio a fare 3d. Quindi non è una scelta che ho fatto da un giorno all’altro, è stata più che altro una metamorfosi costante del mio stile.
Sono partito con lettere amorfe-zoomorfe: ammassi di forme organiche simili a muscoli senza un senso apparente, già allora le mie forme avevano un principio di volume, come dei bassorilievi.
Poi ho continuato, tentando di disegnare qualcosa di più chiaro da leggere, ho cercato di geometrizzare un po di più le mie forme, sempre comunque rimanendo ad un livello di bassorilievo.
Per rendere le cose più geometriche e un po’ per uniformarmi, ho introdotto gli outlines, sono andato avanti un bel po di anni prima di toglierli di nuovo, ma questo mi è servito a studiare di più il lettering.
Poi, sarà che ho fatto un scuola di scultura, ho cominciato a disegnare le cose tridimensionali con più consapevolezza e di conseguenza il mio stile si è trasformato in 3d. Dalle prime sculture che ho cominciato a fare, circa nel 98-2000, ho capito molte cose che mi sono servite anche per dipingere. A partire da quel periodo, senza che me ne rendessi veramente conto da bassorilievi ho cominciato a fare cose che avevano sempre più volume, fino a staccarsi dalla superficie.
Sempre in quel periodo ho conosciuto e ho dipinto con Daim e Seak, vedere come dipingevano loro è stato illuminante dal punto di vista prettamente tecnico, prima di loro non avevo mai visto nessuno dipingere in quel modo.
Considero il mio percorso, nonostante qualche inevitabile influenza, qualcosa di parallelo a chi fa 3d da prima di me.

fai anche tele e sculture, sempre mantenendo inalterato il tuo stile. quali sono i tuoi rapporti con il mondo dell’arte? è possibile vivere come artista, è quello che vuoi fare?
Sculture e tele per me sono degli strumenti che mi servono per sperimentare, capire, evolvermi, io le mostro ma sono qualcosa di personale. Almeno agli inizi non ho mai considerato una tela come una tela, e nemmeno una scultura come una scultura. Voglio dire che la mia finalità principale è dipingere i muri, queste cose per me sono solo degli esercizi, degli studi. Poi avendo in mano delle tele provo anche a venderle, agli occhi degli altri sembra che io faccio l’artista. A forza di farne me ne sono convinto anche io, e adesso provo realmente ad esserlo.
Ci sono stati dei periodi molto fortunati in cui vendevo tele una dietro l’altra. Quelli che per me erano solo degli esercizi pian piano sono diventati più importanti delle mie finalità, erano la mia fonte di sostentamento. Quindi visto come andavano le cose ho cominciato a considerare le tele come tele, e ho cominciato a farle con l’intento di venderle. Vivere da artista è il mio sogno, è possibile farlo, ma non è affatto facile, bisogna promuoversi molto.

il writing viene spesso considerato una forma d’arte o un mezzo d’espressione. secondo te un pezzo può esprimere qualcosa oltre a un nome oppure si riduce esclusivamente a un esercizio formale?

Un pezzo può esprimere delle emozioni, non vado ad indagare sul figurativo, non mi compete. La forma di certe lettere può rispecchiare lo stato d’animo di chi le ha dipinte, a volte io considero un pezzo come un autoritratto.
Poi il pezzo oltre al nome, lettere ecc, può interagire con lo spazio architettonico in cui è dipinto, entrandone in simbiosi o creando un netto contrasto. Molto spesso non considero lo sfondo del mio pezzo il colore di biancone che ho usato, le bolle o quant’altro, ma tutto lo spazio circostante, tutti gli oggetti , i colori e le luci che sono nell’ambiente in cui disegno. Il pezzo a volte riesce a dire qualcosa di più, può sottolineare alcune caratteristiche di un luogo, o le può anche contraddire.

quali sono i tuoi writer di riferimento, quelli che hanno uno stile che ti lascia a bocca aperta (se ce ne sono)?

I writers che mi lasciano a bocca aperta sono Delta e Dare.
Mi piacciono anche Daim, Seak , Saber.

Pin It
  • JOSÈ LUIS SUASTE C.

    OYE,PEETA ERES UNO DE LOS MEJORES WRITERS DEL MUNDO SIGUE ASI Y VERAS QUE SERAS MUCHO MEJOR DE LO QUE ERES AHORA. SOY UN PRINCIPIANTE EN ESTO DEL GRAFFITI PERO ES LO QUE ME GUSTA HACER, ADEMAS TIENES UN ESTILO MUY PARTICULAR. SALUDOS.

  • eduardo(snak)

    peeta you r 1 of my favorites writers ,,, and my favorite of 3d your style is unique men ypu should keep doing it and become a legend ..
    greetings from monterrey mexico you should come one time
    (at Least)

  • http://upione.blogspot.com upione

    whuaaaanjeeeng !!!! peete my influence..
    style-nya ituloh mantab banget!!like me…

  • Sawrmone

    very beautiful work.

  • John

    Hi guys..i’m writting since 1994 and i just moved in…
    Does anybody knows a legal place to graff in Milano???

    Peace

  • TURA

    Better than SEEN!!!! You are the best

  • reno

    impressionanti

  • zorg_sm

    QUANTO CAZZO SPACCA QUESTO? ALLUCINANTE!

  • http://www.metroflog.com/dreik john antony

    hey you eres la neta a toda madre
    tanks for you post ei am metroflog

    dreik
    isane crew

  • http://none Ademir

    Hello im Ademir i just say Peeta is the best (Balcan Expres)Sarajevohh the best Better than Cope2,seen,T-Kid,Zepster……..

  • http://noobeh.splinder.com nOObeH

    veramente troppo bello!!!!…
    io sn writer ma nn arriverò mai a quel livello!!!…

  • susie

    WOW
    its amazing

  • http://- funster

    unique. simply the best. 1 of my favourite writer.

  • fereto

    ciao peeta! so fereto de piove! adesso che giri il mondo come writer affermato come sognavi da “giovane” posso solo trovarti in rete! come gli altri commentano: sei il numero uno, e io non avevo dubbi fin dal primo pezzo che hai fatto. io ci provo ancora ancora ogni tanto e ogni volta non dimentico mai tutto quello che mi hai insegnato…
    ti confido che leggere di te nei giornali e in rete mi emoziona, perchè è fantastico sapere che uno di quelli con i quali sei cresciuto, finalmente ce l’ha fatta! daghe dosso peeta!

  • http://sal-one.com/ sal

    yeah, nice stuff!

    sal
    http://sal-one.com/

  • http://www.fotolog.com/estilo_ogp Snobout OGP Argentina

    Peeta`s artwork is breathtaking… keep it up!
    Greetings from southern Argentina

  • woset wan

    Superabusivo!! buenisimas piezas mano, admirable estilo…cuando andes por centroamerica haganoslo saber…seria un honor que pintara en nuestro pasis……saludos.
    wosetwan*guatemala*centroamerica*007

  • http://www.myspace.com/bostone_6 marco

    yeah! hi dare!!

  • http://the-clockwork.net Bond197.

    simple but perfect performance. simply perfect.

  • dude311

    …that’s freaking cool men..! whoa…! awsome!…

    keep it up yoh!;p

  • Gain

    very impressive style and form

  • alfredo

    te rifas

  • http://groups.google.com/group/music4f/web/free-music Hi, my sites:

    Hello people862fe295a8a84feef1a6516dd03f95b9

  • dReAt!!..Usk

    que tal peeta jue quiero decirte que cuando vi por primera vez tus piezas no crei que fuera posible hacer algo asi, y desde entonces e practica sin descanso para poder llegar atener un estilo tan perfecto como el tuyo . soy de el salvador centroamerica.

  • http://admirador HIO akp (mexico)

    eres grande algun dia produccionaremos juntos jeje

    hioakp1@hotmail.com

  • http://admirador HIO akp (mexico)

    eres grande algun dia produccionaremos juntos jeje

    hioakp1@hotmail.com

    http://www.metroflog.com/cheje

  • nayeli

    hola no se si este sea tu metro espero que si supongo que eres ederno? ya esta firmado ok hasta lugo

  • nayeli

    hola no se si este sea tu metro espero que si supongo que eres ederno? ya esta firmado ok hasta lugo

  • kah

    solo yogurt

  • http://glassk.napady.net JosiuPU

    my idol.nice works..

  • http://WWW.METROFLOG.COM/GOSHIR JOSE MANUEL

    HOLA NO PUES QEU SHIDOS
    GRAFFITIS 3D
    SEEEE
    NEL
    PUES KIEN COMO USTEDES
    SIGAN ASI
    ECHEN MUCHAS
    GANAS
    SEEEE
    SOBRES AHI LUEGO BYE
    http://WWW.METROFLOG.COM/GOSHIR1

  • http://peeta kennedy

    unn muy bueso peeta si eres grande en esto dime peeta cuando vere una exibicion de tus graff 3d aca en peru ya pues peeta ven a perú

  • RETRAK

    Greetings from los angeles, name has past thru lots of writers mouths n they could only say ur one of the best,love ur 3d work…

  • http://henestommy astek

    estan chidos tus graffs te la dicutes

  • http://web aztek mexico s,l,p

    todos tus estilos 3d estan chidos y como le haces para grafear asi de chido

  • nessen

    po seu estilo de graff e um dos melhores q eu ja vi hein.

  • http://mexico ulses

    eres uno e los mejores graffiteros sigue si yo soy un principiante pero tu eres uno de mi idolos en el graffiti saludos de ulises el tai

  • http://www.flickr.com/kas01 Kas PERU STYLE

    el 3d te da una anplia gama de formas y estructuras.. es mas conplejo.

    usted en el stylo personal que practica es el mejor.

    saludos

    deivis_989@hotmail.com

  • flour one

    que ondax soy de el salvador y ilegales no has hecho????

  • kristian jimenez flores

    hi pues solo paso para secirte que la nata eres uno de los mejores y me gustan un buen todos tus trabajos

    la verdad me encantan y algundia tendre que hacer uno de esos cuidate…

    crack

  • http://www.mur-lo.ru Lotsan from Russia

    Hi is first class artist. Respect